Il mio blog principale: http://mikelogulhi.blogspot.com
Il blog centrale in italiano (dove puoi vedere, a destra, quali sono gli ultimi blog in italiano aggiornati): http://ilmondofuturo.blogspot.com

mercoledì 18 gennaio 2012

Romania, ancora proteste contro austerity

da www.corriere.it

decine di persone ferite, centinaia di arresti, si chiedono le dimissioni del governo

È caos nel Paese. Quinto giorno di manifestazioni
Il premier: «La violenza non sarà più tollerata»

MILANO- La violenza non si ferma in Romania. Oltre diecimila persone sono scese in piazza per il quinto giorno consecutivo a Bucarest per protestare contro il piano di austerità varato dal governo di Emil Boc e dal presidente Trajan Basescu. Una protesta che è sfociata in scontri con le forze dell'ordine in molte città, facendo piombare il Paese nel caos. «La violenza non sarà più tollerata», ha annunciato il premier.

Scontri in Romania Scontri in Romania Scontri in Romania Scontri in Romania Scontri in Romania Scontri in Romania

ANCORA IN PIAZZA- I manifestanti si sono radunati nonostante le temperature rigide per il quinto giorno di dimostrazioni, all'urlo «libertà», esponendo cartelli che dicevano 'fame e povertà hanno bloccato la Romanià. I dimostranti sventolavano bandiere a cui era stata rimossa una parte al centro, simbolo della rivolta del 1989 contro l'ex dittatore Nicolae Ceausescu. Ci sono state manifestazioni anche in un'altra decina di altre città, ma non è chiaro quante persone abbiano partecipato in totale nel Paese.

LE RIFORME- I disordini sono cominciati nel fine settimana. Il crescente malcontento popolare in Romania, uno dei paesi più poveri e arretrati della Ue, deriva dalle severe misure di austerità e dai tagli operati dal governo a causa della crisi globale, nonché dalla corruzione dilagante nelle sfere politiche. A infiammare la protesta è stato, tra l'altro un progetto controverso di riforma sanitaria che ha provocato le dimissioni del viceministro Raed Arafat, un esponente politico molto popolare nel paese. Nonostante il ritiro di tale piano, la popolazione continua a manifestare contro le autorità.

Redazione Online 17 gennaio 2012 | 15:16© RIPRODUZIONE RISERVATA